Scrivere con l’intelligenza artificiale: come e per cosa farlo

Millionaire Job
Updated on

Negli ultimi mesi si sente parlare moltissimo dell’AI (intelligenza artificiale) e di come si stia preparando a sostituire le persone per svolgere molti compiti nei settori più disparati.

In realtà, almeno per il momento, questi strumenti online e gratuiti non sono ancora in grado di cavarsela senza un professionista dietro, pronto a guidarli e monitorarne il lavoro. Al contrario, l’intelligenza artificiale è un aiuto prezioso per chi porta avanti un’attività perché velocizza e facilita la creazione di testi e immagini.

Qui di seguito scoprirai come scrivere con l’intelligenza artificiale e creare contenuti accattivanti per il tuo business nel giro di pochi secondi.

 

Strumenti per scrivere con l’intelligenza artificiale

Ormai Internet è letteralmente infestato dagli strumenti che ti permettono di scrivere con l’intelligenza artificiale: alcuni gratuiti, altri a pagamento, certi funziona bene, altri meno bene.

Tra i migliori disponibili sul mercato è impossibile non nominare colui che ha dato vita all’intero fenomeno: ChatGPT.

ChatGPT è una piattaforma online gratuita offerta da OpenAI, molto semplice da usare e davvero efficace. Si presenta come una semplice chat (come WhatsApp) su cui è possibile chiedere al programma di eseguire dei comandi. Più precisi saranno i comandi che scrivi, migliore sarà la qualità del risultato che otterrai.

Qui puoi scrivere con l’intelligenza artificiale, certo, ma anche e soprattutto ottenere risposte a domande, praticare le lingue chattando con il computer e chiedere al sito di creare interi codici di programmazione.

Per scrivere contenuti, esistono alcune alternative valide: ClickUp, Copy.ai e Writesonic sono in assoluto quelle più conosciute ed apprezzate. ChatGPT è lo strumento più completo e versatile, gli altri sono specializzati rispettivamente in management di progetti, scrittura di offerte e contenuti SEO.

 

Cosa puoi scrivere con l’intelligenza artificiale  

In poche parole: tutto! L’intelligenza artificiale può davvero creare ogni tipo di contenuto: dalle ricerche su un argomento specifico a quelle di mercato, dagli script per video da pubblicare su YouTube fino a descrizioni di prodotti da inserire su e-commerce di abbigliamento oppure Amazon.

Un altro vantaggio degli strumenti elencati sopra è che sono in grado di generare testi in un’immensa varietà di lingue diverse sia europee, sia asiatiche.

 

Alcuni accorgimenti

Sebbene possa sembrare che l’intelligenza artificiale sappia fare tutto da sola, non è affatto così. Alla base del suo lavoro ci sono i comandi, i cosiddetti “prompt”, cioè la descrizione che digita la persona.

Ebbene, è molto importante che questi comandi vengano dati nella maniera più specifica possibile così da poter controllare il processo di creazione e la qualità del risultato.

Ad esempio, se devi scrivere una ricerca sull’Impero Romano, dovrai indicare anche il tono di voce che vuoi che venga usato nel testo, chiedere all’intelligenza artificiale di inserire le fonti, ecc. Se vuoi preparare lo script per un video, dovrai indicare la lunghezza del video, l’eventuale presenza di interruzioni e immagini e, addirittura, il pubblico per cui il contenuto viene creato in modo che ChatGPT (o chi per lui) usi il linguaggio più appropriato.

Altro aspetto da tenere in considerazione è la lunghezza dei testi. Quando inizi a scrivere con l’intelligenza artificiale ricevi spesso dei testi di lunghezza variabile dalle 500 alle 700 parole, mai di più.

Nel caso in cui tu abbia bisogno di un articolo lungo, ad esempio, devi aggirare questo problema spezzando i contenuti. Inizialmente puoi chiedere allo strumento di crearti un indice e, una volta ottenuto quello desiderato, di scrivere un contenuto per ogni titolo e sottotitolo. Alla fine, starà a te unire tutti questi testi per formare un solo grande articolo.

 

I limiti della scrittura con AI

Gli strumenti di cui abbiamo parlato fino ad adesso sono tutti semplici e gratuiti e, di conseguenza, presentano alcuni limiti.

Prima di tutto, la qualità dei testi è generalmente molto buona per i contenuti creati in lingua inglese, mentre nelle altre lingue sono spesso presenti errori di grammatica o parole fuori contesto che devono essere individuate e risolte da un umano.

Poi, è importante sapere che Google ha già imparato a riconoscere i testi che vengono scritti da AI e a non mostrarli nei risultati di ricerca. Ciò significa che non puoi usare l’intelligenza artificiale per scrivere contenuti SEO da pubblicare immediatamente; devi modificarli e renderli “umani” perché questi svolgano la funzione di portare traffico al tuo sito Internet.

 

Scrivere con AI a pagamento

La vera rivoluzione è quella che ci viene portata dagli strumenti di intelligenza artificiale a pagamento che coniugano le possibilità offerte dalle nuove tecnologie digitali con l’esperienza dei professionisti del settore.

Pensiamo ad AdCreative.ai, ad esempio, uno strumento che consente di creare e portare avanti campagne pubblicitarie PPC su misura del proprio brand, oppure a Millionairejob che sfrutta l’intelligenza artificiale e la professionalità dei suoi dipendenti per sviluppare business plan professionali e completi che ti permettono di lanciare il tuo business nel giro di pochi click.

Possiamo affermare con certezza che scrivere con l’intelligenza artificiale ci semplifica la vita e velocizza molti compiti. Da sola, però, non basta: come per molto altro, c’è bisogno di un umano competente dietro che la faccia funzionare.

Scrivere con l'intelligenza artificiale: come e per cosa farlo 3

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *